Black-out d’autunno, lunghe ombre sul “Pertini”

La nostra immagine d’apertura é una sintesi perfetta e spietata della gara: il nostro Rogora proteso in un tuffo disperato e Bouaouiss a segno su rigore con un tiro potente e preciso che sigla il quattro a zero finale per l’Accademia BMV e la sua doppietta personale.

Bouaouiss a segno su rigore sigla il quattro a zero finale

Per il Canegrate, reduce dalla tempestosa vittoria di Robecchetto ma falcidiato da squalifiche e infortuni, oggi non poteva forse esserci avversario peggiore dell’Accademia BMV: squadra in ottima salute, sbarazzina e sfrontata in attacco (14 volte a segno negli ultimi quattro turni) con il gioiellino Bouaouiss a giganteggiare di fronte alla difesa e pronto anche a concludere, un piccolo Vieira.

Pansardi in pressione su Bouaouiss

La cronaca del match

Nel primo tempo gli ospiti prendono subito il comando delle operazioni sfiorando il gol in più di un’occasione, sino a quando Frau sfrutta un’incertezza della difesa per battere l’incolpevole Rogora.

La reazione del Canegrate è veemente e rivela i limiti difensivi della squadra ospite, ma purtroppo Raso manca la rete del pareggio di testa a pochi passi dalla porta vuota. In un finale di tempo convulso fioccano le occasioni e uno scontro al limite fra il centrale ospite e Venturelli, proprio allo scadere, scatena accese discussioni in campo e sulle tribune.

Il Canegrate cerca di rispondere al vantaggio ospite

Nel secondo tempo, pur senza la consueta brillantezza, Canegrate spinge rabbiosamente in avanti ma, in applicazione di una spietata legge del calcio, a due occasioni fallite d’un soffio davanti alla porta avversaria seguono implacabili i gol in contropiede dello 0-2 (Cesaro) e dello 0-3 (Bouaouiss). È solo per la cronaca la quarta rete su rigore, fischiato dal signor De Battista per fallo su Frau lanciato a rete.

Ultimi assalti dei padroni di casa

Canegrate è come un poeta scapigliato, non conosce mezze misure e non pareggia mai: o vince o perde, e quando perde lo fa con fragore. Lunghe ombre sul Pertini: quelle dell’autunno; quelle di una squadra che nelle ultime quattro giornate ha conquistato solo 3 dei 12 punti in palio.

Il campionato si complica: Garbagnate, vittorioso anche oggi, va in fuga con sei punti di vantaggio su Ossona e Canegrate, dietro ai quali insegue proprio l’Accademia vista oggi al “Pertini”, a un solo punto. Degna di nota la vittoria odierna del Ticinia nel difficile campo della Folgore Legnano, che valorizza l’affermazione dei nostri ragazzi proprio a Robecchetto, domenica scorsa.

Il prossimo turno propone una prova impegnativa per la capolista, che farà visita al Ticinia, e per Ossona, che andrà a Corbetta. La banda Bresciani va in scena a Barbaiana vantando il miglior rendimento in trasferta del girone: quattro vittorie, nessuno finora ha fatto tanto. Forse gli Scapigliati lontano da casa scrivono i loro versi migliori…  ce lo auguriamo.

Il tramonto di una giornata da dimenticare

LEGGI ANCHE

CONTATTI

ASD CALCIO CANEGRATE

nuovo_logo-removebg-preview